X
la storia

07.12.2016

Borgo Faiti:

Scuola al gelo: bimbi in classe con i cappotti. Genitori infuriati: “dimenticati dal Comune” -

28.03.2014

Chiesuola:

Lettera aperta del Comitato NO Biogas Latina -

22.02.2014

Latina Scalo:

Anziana travolta e uccisa su via della Stazione -

12.01.2013

Latina Scalo:

Asse attrezzato, un furto dopo l’altro -

12.01.2013

Chiesuola:

Lite tra madri davanti alla scuola -

11.01.2013

Borgo Sabotino:

Furti in serie, notte da incubo -

08.01.2013

Borgo Grappa:

Multati per la legna, la befana non si brucia -

28.12.2012

I borghi ritrovati:

perimetrati Chiesuola, Isonzo e Tor Tre Ponti -

10.02.2012

Borghi: Montello, Bainsizza, Santa Maria e Sabotino:

Un anno di arsenico -

09.02.2012

Borgo Montello:

Lavori di ampliamento al cimitero -

09.02.2012

Borgo Faiti:

Ladri di slot machine -

09.02.2012

Borgo Piave:

Furto di cavi tra i pannelli solari -

08.02.2012

Borgo Faiti:

Centro anziani al freddo -

08.02.2012

Borgo Carso:

La palestra a pieno regime -

07.02.2012

Latina Scalo:

Dopo tanti anni la festa del primo Maggio non si farà -

06.02.2012

Borgo Grappa:

Lite per il traffico, 53enne ferisce automobilista -

04.02.2012

Chiesuola:

Topi d’appartamento in via della Cava -

03.02.2012

Borgo Isonzo:

Scuola materna senza riscaldamenti -

03.02.2012

Latina Scalo:

Parco ancora senza gestore -

01.02.2012

Borgo Carso:

In rovina l’edificio storico del Borgo -

  • Come eravamo

sponsors

  • Latina Città del '900

meteo

link istituzionali

utilità

  • La raccolta differenziata
  • Cerca la Farmacia aperta
  • Cerca la Farmacia aperta

Approvato il progetto per la ex scuola dell’Uccellara

La giunta comunale ha stanziato 400mila euro.

8/04/09

 

Con una delibera del 3 febbraio scorso, la giunta comunale di Latina ha deciso di recuperare una delle testimonianze più significative del nostro territorio, la ex scuola elementare rurale della strada Uccellara. La giunta ha approvato un progetto preliminare del valore di 400mila euro per i lavori di ristrutturazione e adeguamento alle norme di sicurezza dell'edificio, da adibire successivamente a centro civico polifunzionale.

La ex scuola, già di proprietà comunale, è dismessa da diversi anni e giace ormai in uno stato di «abbandono con relativa fatiscenza generale dell'edificio », come rileva lo stesso documento della giunta. In effetti, la struttura conserva solo i caratteri generali della sua originaria e suggestiva bellezza. Una struttura semplice con il piccolo «campanile» per la campanella che scandiva i tempi delle lezioni per gli alunni. I mattoni rossi sono molto consumati, le porte e le finestre sono tamponate per impedire intrusioni e un suo utilizzo improprio.

Dopo tutti questi anni nel «dimenticatoio» arriva questo provvedimento, ormai a tempo limite prima che l'usura possa rendere inutile ogni successivo tentativo di recupero. Dopo il lavoro strutturale, questi riguarderanno anche l'adeguamento alle normative di sicurezza vigenti per adibirlo a centro civico polifunzionale al servizio della cittadinanza. La scuola elementare di Via dell'Uccellara, la cui costruzione risale all'epoca della bonifica (dopo il 1933), faceva parte degli edifici scolastici programmati e costruiti dal Consorzio della Bonifica di Piscinara. Importante ricordare che per la popolazione rurale gli edifici scolastici rappresentavano un punto di riferimento al pari dell'edificio religioso.

A conferma di ciò la presenza in molti di questi di modesti campanili la cui piccola campana scandiva gli orari scolastici. La scuola rurale dell' Uccellara si affiancava ad altri due edifici simili dello stesso periodo, una in località Murillo e una a Santa Fecitola. Per la prima volta ci si trovò di fronte al tentativo di creare una rete scolastica efficiente e moderna che fosse in grado di garantire un accrescimento culturale e sociale della popolazione.

Questo fu ben presto capito dalla popolazione che inizialmente aveva visto la scuola come un istituto che non faceva altro che sottrarre forza lavoro alle attività agricole. A questo punto fu necessario creare anche una serie di servizi civili (assistenza sanitaria, rifornimenti alimentari, dopolavoro, ecc.) di cui la popolazione dei poderi aveva bisogno.

 

FONTE:

 

News

<>

Curiosità

<>

In evidenza

  • LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio

    Spettacolo teatrale “Canale Mussolini” ore 21.00 giardini del Palazzo Comunale

    Debutta “Canale Mussolini”. Lo spettacolo teatrale, tratto dal romanzo di Antonio Pennacchi, in prima nazionale a Latina, domenica 30 giugno 2013. In scena, Giorgio Colangeli, Marina... (continua)

    LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio