X
la storia

07.12.2016

Borgo Faiti:

Scuola al gelo: bimbi in classe con i cappotti. Genitori infuriati: “dimenticati dal Comune” -

28.03.2014

Chiesuola:

Lettera aperta del Comitato NO Biogas Latina -

22.02.2014

Latina Scalo:

Anziana travolta e uccisa su via della Stazione -

12.01.2013

Latina Scalo:

Asse attrezzato, un furto dopo l’altro -

12.01.2013

Chiesuola:

Lite tra madri davanti alla scuola -

11.01.2013

Borgo Sabotino:

Furti in serie, notte da incubo -

08.01.2013

Borgo Grappa:

Multati per la legna, la befana non si brucia -

28.12.2012

I borghi ritrovati:

perimetrati Chiesuola, Isonzo e Tor Tre Ponti -

10.02.2012

Borghi: Montello, Bainsizza, Santa Maria e Sabotino:

Un anno di arsenico -

09.02.2012

Borgo Montello:

Lavori di ampliamento al cimitero -

09.02.2012

Borgo Faiti:

Ladri di slot machine -

09.02.2012

Borgo Piave:

Furto di cavi tra i pannelli solari -

08.02.2012

Borgo Faiti:

Centro anziani al freddo -

08.02.2012

Borgo Carso:

La palestra a pieno regime -

07.02.2012

Latina Scalo:

Dopo tanti anni la festa del primo Maggio non si farà -

06.02.2012

Borgo Grappa:

Lite per il traffico, 53enne ferisce automobilista -

04.02.2012

Chiesuola:

Topi d’appartamento in via della Cava -

03.02.2012

Borgo Isonzo:

Scuola materna senza riscaldamenti -

03.02.2012

Latina Scalo:

Parco ancora senza gestore -

01.02.2012

Borgo Carso:

In rovina l’edificio storico del Borgo -

  • Come eravamo

sponsors

  • Latina Città del '900

meteo

link istituzionali

utilità

  • La raccolta differenziata
  • Cerca la Farmacia aperta
  • Cerca la Farmacia aperta

Borghi: Montello, Bainsizza, Santa Maria e Sabotino

Un anno di arsenico

10/02/12

 

Era il dicembre del 2010 quando l’allora commissario straordinario Guido Nardone firmava l’ordinanza di divieto d e ll ’uso dell’acqua pubblica per scopi alimentari nei borghi ad ovest del capoluogo. Da allora, quando è trascorso più di un anno, nulla è cambiato tra Borgo Montello, Bainsizza, Sabotino e Santa Maria. Le botti che garantiscono l’approvvigionamento idrico sono ancora al loro posto, così come i livelli di arsenico nell’acqua distribuita dall’impianto idrico comunale. Da allora la rete non è stata adeguata per riportare la vita di quelle comunità ad uno stato di normalità. A differenza di tutti gli altri comuni del nord della provincia, ossia quelli più colpiti dall’inquinamento delle falde acquifere, nel capoluogo il gestore Acqualatina non ha operato per risolvere la questione in tempi ragionevoli. Figuriamoci che, nei borghi dove i livelli di arsenico sono superiori al consentito, col tempo le autobotti sono state sostituite dai presidi fissi per l’approvvigionamento dell’acqua. Botti metalliche, quelle installate dal gestore, che conferiscono uno stato di ostinazione del divieto. Il segno di una condanna che pende sulle teste dei cittadini. Anche se, ad essere precisi, il divieto si riferisce ai soli bambini. Perchè sì, di arsenico nell’acqua ce n’è troppo, oltre i 10 microgrammi per litro, ma una deroga consente a tutti gli adulti di fregarsene della norma. Come se, grazie ad un atto pubblico, il corpo umano diventasse improvvisamente immune dall’azione dell’arsenico. Solitamente la collettività associa l’arsenico alla presenza di elementi inquinanti come la discarica di via Monfalcone, ma da sempre esperti spiegano che l’acqua sia inquinata dalla terra stessa. Una terra di origine vulcanica. Insomma, ne fanno una questione geologica. Sta di fatto che Acqualatina per contratto avrebbe dovuto adeguare gli impianti alla normativa europea, godendo appunto di diverse deroghe, ma i borghi dell’ovest sembrano essere condannati ad avere l’acqua all’arsenico. Di fatto il Comune non ha mai revocato le ordinanza per Montello, Bainsizza, Sabotino e Santa Maria. Tantomeno il gestore ha mai precisato di aver risolto la questione.

 
LA BEFFA DELLE BOLLETTE
 
Si aspettavano quantomeno sconti in bolletta, i cittadini dei borghi penalizzati dalla presenza di arsenico nell’acqua pubblica. A distanza di un anno la gente di Montello, Bainsizza, Sabotino e Santa Maria però continua a pagare come tutti, anche se il gestore del servizio idrico non ha ancora risolto il problema.
 
 
FONTE: Latina Oggi

News

<>

Curiosità

<>

In evidenza

  • LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio

    Spettacolo teatrale “Canale Mussolini” ore 21.00 giardini del Palazzo Comunale

    Debutta “Canale Mussolini”. Lo spettacolo teatrale, tratto dal romanzo di Antonio Pennacchi, in prima nazionale a Latina, domenica 30 giugno 2013. In scena, Giorgio Colangeli, Marina... (continua)

    LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio