X
la storia

07.12.2016

Borgo Faiti:

Scuola al gelo: bimbi in classe con i cappotti. Genitori infuriati: “dimenticati dal Comune” -

28.03.2014

Chiesuola:

Lettera aperta del Comitato NO Biogas Latina -

22.02.2014

Latina Scalo:

Anziana travolta e uccisa su via della Stazione -

12.01.2013

Latina Scalo:

Asse attrezzato, un furto dopo l’altro -

12.01.2013

Chiesuola:

Lite tra madri davanti alla scuola -

11.01.2013

Borgo Sabotino:

Furti in serie, notte da incubo -

08.01.2013

Borgo Grappa:

Multati per la legna, la befana non si brucia -

28.12.2012

I borghi ritrovati:

perimetrati Chiesuola, Isonzo e Tor Tre Ponti -

10.02.2012

Borghi: Montello, Bainsizza, Santa Maria e Sabotino:

Un anno di arsenico -

09.02.2012

Borgo Montello:

Lavori di ampliamento al cimitero -

09.02.2012

Borgo Faiti:

Ladri di slot machine -

09.02.2012

Borgo Piave:

Furto di cavi tra i pannelli solari -

08.02.2012

Borgo Faiti:

Centro anziani al freddo -

08.02.2012

Borgo Carso:

La palestra a pieno regime -

07.02.2012

Latina Scalo:

Dopo tanti anni la festa del primo Maggio non si farà -

06.02.2012

Borgo Grappa:

Lite per il traffico, 53enne ferisce automobilista -

04.02.2012

Chiesuola:

Topi d’appartamento in via della Cava -

03.02.2012

Borgo Isonzo:

Scuola materna senza riscaldamenti -

03.02.2012

Latina Scalo:

Parco ancora senza gestore -

01.02.2012

Borgo Carso:

In rovina l’edificio storico del Borgo -

  • Come eravamo

sponsors

  • Latina Città del '900

meteo

link istituzionali

utilità

  • La raccolta differenziata
  • Cerca la Farmacia aperta
  • Cerca la Farmacia aperta

Chiesuola

Il pirata di Torre la Felce davanti al giudice

22/07/09

 

Dice  di essersi accorto di qualche cosa, di aver sentito il botto sulla strada. Ma lo spavento gli ha fatto dare gas all’auto per tentare di far perdere le tracce. Quintilio Ricci, 40 anni di Cori, arrestato per aver investito un 19enne in scooter ed essere poi fuggito, è stato processato ieri mattina per direttissima nelle aule del Tribunale di Latina.

Al giudice ha detto di essere entrato in uno stato di confusione mentale e di aver pensato di andare via. E così è stato. Il 40enne, infatti, è finito in manette in un secondo momento, raggiunto nella serata di sabato dagli agenti del Quarto Nucleo della Squadra Volante che hanno bussato alla porta della sua abitazione. Il giudice De Robbio ha convalidato l’arresto, ora si trova a piede libero in attesa del processo con la disposizione degli obblighi di polizia giudiziaria come richiesto in aula dallo stesso pubblico ministero.

L’avvocato che lo assiste, Maria Belli, ha richiesto i termini a difesa. La prima udienza del procedimento è stata quindi fissata per il 23 novembre davanti al giudice monocratico. Gli agenti della Polizia sono arrivati a lui perché, a causa dello scontro, avvenuto sabato scorso alle 18.30 in via Torre La Felce, l’automobilista ha perso la targa della Jaguar che stava guidando. Un particolare fondamentale. Grazie anche alle testimonianze di una terza persona, una donna che stava guidandola sua auto e procedeva dietro al ragazzo in scooter, gli agenti sono riusciti a risalire all’identità del 40enne per il quale è scattato l’arresto.

Il giovane, L.F. le sue iniziali, si trova ricoverato presso l’ospedale «Santa Maria Goretti» di Latina, i medici gli hanno riscontrato delle gravi lesioni con una prognosi di 90 giorni. In base ad un successivo riscontro la Polizia ha accertato che la Jaguar era munita di un tagliando assicurativo evidentemente contraffatto. Un altro motivo che sicuramente aveva spinto l’uomo a fuggire dal luogo dell’incidente senza prestare soccorso. La dinamica di quanto accaduto è stata quindi ricostruita dagli agenti che hanno effettuato il sopralluogo. L’impatto frontale è avvenuto in prossimità dell’incrocio di via Torre La Felce.

E’ proprio in questo punto che il 19enne avrebbe compiuto una manovra azzardata tentando il sorpasso di un’utilitaria, sulla quale viaggiava una donna, a ridosso dell’incrocio. Il centauro avrebbe quindi invaso la corsia opposta sulla quale procedeva a folle velocità la Jaguar. Uno scontro tremendo, il ragazzo a quel punto è stato sbalzato prima contro la macchina e poi trascinato dall’auto che non si è proprio fermata, nemmeno accennando un minimo di frenata. Come riscontrato dall’assenza di segni sull’asfalto.

Il 40enne di Cori ha tirato diritto. Anche la vettura con a bordo la donna è stata coinvolta nell’incidente. E’ stata proprio lei a chiamare immediatamente i soccorsi terrorizzata per quanto accaduto al ragazzo a terra e rimasto gravemente ferito.

 

Fonte: Latina Oggi

News

<>

Curiosità

<>

In evidenza

  • LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio

    Spettacolo teatrale “Canale Mussolini” ore 21.00 giardini del Palazzo Comunale

    Debutta “Canale Mussolini”. Lo spettacolo teatrale, tratto dal romanzo di Antonio Pennacchi, in prima nazionale a Latina, domenica 30 giugno 2013. In scena, Giorgio Colangeli, Marina... (continua)

    LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio