X
la storia

07.12.2016

Borgo Faiti:

Scuola al gelo: bimbi in classe con i cappotti. Genitori infuriati: “dimenticati dal Comune” -

28.03.2014

Chiesuola:

Lettera aperta del Comitato NO Biogas Latina -

22.02.2014

Latina Scalo:

Anziana travolta e uccisa su via della Stazione -

12.01.2013

Latina Scalo:

Asse attrezzato, un furto dopo l’altro -

12.01.2013

Chiesuola:

Lite tra madri davanti alla scuola -

11.01.2013

Borgo Sabotino:

Furti in serie, notte da incubo -

08.01.2013

Borgo Grappa:

Multati per la legna, la befana non si brucia -

28.12.2012

I borghi ritrovati:

perimetrati Chiesuola, Isonzo e Tor Tre Ponti -

10.02.2012

Borghi: Montello, Bainsizza, Santa Maria e Sabotino:

Un anno di arsenico -

09.02.2012

Borgo Montello:

Lavori di ampliamento al cimitero -

09.02.2012

Borgo Faiti:

Ladri di slot machine -

09.02.2012

Borgo Piave:

Furto di cavi tra i pannelli solari -

08.02.2012

Borgo Faiti:

Centro anziani al freddo -

08.02.2012

Borgo Carso:

La palestra a pieno regime -

07.02.2012

Latina Scalo:

Dopo tanti anni la festa del primo Maggio non si farà -

06.02.2012

Borgo Grappa:

Lite per il traffico, 53enne ferisce automobilista -

04.02.2012

Chiesuola:

Topi d’appartamento in via della Cava -

03.02.2012

Borgo Isonzo:

Scuola materna senza riscaldamenti -

03.02.2012

Latina Scalo:

Parco ancora senza gestore -

01.02.2012

Borgo Carso:

In rovina l’edificio storico del Borgo -

  • Come eravamo

sponsors

  • Latina Città del '900

meteo

link istituzionali

utilità

  • La raccolta differenziata
  • Cerca la Farmacia aperta
  • Cerca la Farmacia aperta

Borgo Bainsizza

Iniziata la costruzione dell’impianto a biogas

2/07/10

 

Ieri pomeriggio alle 16,30 in un’atmosfera familiare a Borgo Bainsizza è stato dato il via ufficiale ai lavori per la realizzazione del primo impianto di produzione di energia da biogas della provincia di Latina. Tutti presenti - progettisti, azionisti, coltivatori, amici e familiari - allo scoprimento del cartello con il progetto al chilometro 6,5 della strada Acciarella. Applausi e l’entusiasmo di chi sta partendo per un’avven - tura (economica) innovativa. In realtà dall’ideazione, alla realizzazione del progetto fino al compimento di tutto l’iter autorizzativo (con una conferenza dei servizi che ha visto coinvolti 18 tra enti e assessorati delle istituzioni locali) sono passati già quasi due anni. Ma ieri (dopo alcuni lavori per realizzare la strada di cantiere e preparare i sette ettari) è iniziata la realizzazione concreta della centrale che dovrebbe entrare in produzione tra novembre e dicembre prossimi. La piccola centrale sarà realizzata dalla società «Esco Lazio Srl» e gestita dall’azienda agricola «Agri Power Plus Srl» (società controllata dalla prima) entrambe pontine, che puntano su investimenti sempre attenti alla salvaguardia ambientale e allo sviluppo economico territoriale. Il motto è: «Ciò che è economicamente sostenibile deve essere ambientalmente sostenibile». «Si parla di ‘green economy’ - sottolinea l’ingegnere Salvatore La Valle - questa è la realizzazione pratica dei suoi principi». Il biogas prodotto dall’impianto (che si distingue da quello a biomasse proposto a Pontinia) sarà in grado di fornire energia termica ed elettrica a circa 1000 famiglie, e sarà ricavato dalla fermentazione anaerobica controllata per 50 giorni di materie prime organiche, costituite da biomasse appositamente coltivate (cereali), integrata con deiezioni animali provenienti da allevamenti locali. La materia prima sarà in gran parte prodotta dalla stessa società agricola Agri Power Plus (in 450 ettari di campi prima marginali), e i restanti acquistati presso aziende agricole locali. L’impianto a biogas di Borgo Bainsizza, situato in prossimità dell’azienda florovivaistica «Selecta Italia», produrrà annualmente 6.700 MWh (megawattora) termici che saranno utilizzati per il riscaldamento delle serre de l’azienda e di circa 7.800 MWh (megawattora) elettrici che saranno invece venduti al gestore della rete elettrica nazionale. L’energia elettrica e l’energia termica prodotta dal biogas comporterà una riduzione diretta delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera di circa 7.700 tonnellate l’anno. «E’ importante sottolineare che l’effetto non sarà solo globale - continua La Valle - ma anche su scala locale, in quanto sarà drasticamente ridotto il consumo di combustibile fossile da parte di Selecta Italia, con evidenti benefici ambientali». Dalla «digestione controllata» dell’impianto a biogas (che, secondo i programmi, resterà in funzione per 15 anni) si ricaverà, oltre all’elettricità ed al calore, un sottoprodotto simile ad un limo molto fertile, inodore, che tornerà ai terreni per sostituire in tutte le future coltivazioni i fertilizzanti chimici. Per Esco Lazio questo è il primo di una serie di impianti che saranno realizzati nei prossimi anni nelle regioni: Lazio, Umbria, Toscana, Piemonte; un progetto pilota che sarà uno stimolo per tutti gli imprenditori interessati allo sviluppo di un’agricoltura moderna e rispettosa dell’ambiente.

 
FONTE: Latina Oggi

News

<>

Curiosità

<>

In evidenza

  • LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio

    Spettacolo teatrale “Canale Mussolini” ore 21.00 giardini del Palazzo Comunale

    Debutta “Canale Mussolini”. Lo spettacolo teatrale, tratto dal romanzo di Antonio Pennacchi, in prima nazionale a Latina, domenica 30 giugno 2013. In scena, Giorgio Colangeli, Marina... (continua)

    LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio