X
la storia

07.12.2016

Borgo Faiti:

Scuola al gelo: bimbi in classe con i cappotti. Genitori infuriati: “dimenticati dal Comune” -

28.03.2014

Chiesuola:

Lettera aperta del Comitato NO Biogas Latina -

22.02.2014

Latina Scalo:

Anziana travolta e uccisa su via della Stazione -

12.01.2013

Latina Scalo:

Asse attrezzato, un furto dopo l’altro -

12.01.2013

Chiesuola:

Lite tra madri davanti alla scuola -

11.01.2013

Borgo Sabotino:

Furti in serie, notte da incubo -

08.01.2013

Borgo Grappa:

Multati per la legna, la befana non si brucia -

28.12.2012

I borghi ritrovati:

perimetrati Chiesuola, Isonzo e Tor Tre Ponti -

10.02.2012

Borghi: Montello, Bainsizza, Santa Maria e Sabotino:

Un anno di arsenico -

09.02.2012

Borgo Montello:

Lavori di ampliamento al cimitero -

09.02.2012

Borgo Faiti:

Ladri di slot machine -

09.02.2012

Borgo Piave:

Furto di cavi tra i pannelli solari -

08.02.2012

Borgo Faiti:

Centro anziani al freddo -

08.02.2012

Borgo Carso:

La palestra a pieno regime -

07.02.2012

Latina Scalo:

Dopo tanti anni la festa del primo Maggio non si farà -

06.02.2012

Borgo Grappa:

Lite per il traffico, 53enne ferisce automobilista -

04.02.2012

Chiesuola:

Topi d’appartamento in via della Cava -

03.02.2012

Borgo Isonzo:

Scuola materna senza riscaldamenti -

03.02.2012

Latina Scalo:

Parco ancora senza gestore -

01.02.2012

Borgo Carso:

In rovina l’edificio storico del Borgo -

  • Come eravamo

sponsors

  • Latina Città del '900

meteo

link istituzionali

utilità

  • La raccolta differenziata
  • Cerca la Farmacia aperta
  • Cerca la Farmacia aperta

Borgo Carso

Banda del buco alle Poste

3/10/09

 

Una brutta sorpresa per il direttore dell’ufficio postale di Borgo Carso ieri mattina quando, come ogni giorno, si è apprestato ad aprire i battenti del locale di via Sallustio. Ci ha messo poco a rendersi conto che qualcuno, nella notte, si era introdotto nell’ufficio postale per tentare di forzare, inutilmente, la cassaforte. I ladri, infatti, si sono dovuti accontentare, si fa per dire, della liquidità lasciata fuori dal forziere. All’appello, infatti, manca una cassetta di sicurezza contenente circa 3mila e 500 euro, in gran parte monete. Sul posto, per raccogliere elementi sufficienti all’avvio delle indagini, si sono recati i Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile e la Polizia Postale. Non poteva scegliere luogo migliore la banda del buco, per mettere a segno il colpo che poi è risultato essere riuscito solo parzialmente. L’ufficio postale, infatti, è collocato al piano terra di una palazzina di due piani che, per i restanti locali, è totalmente in disuso. Ai ladri, quindi, è stato sufficiente sfondare la porta delle scale che conducono agli appartamenti del piano superiore e, in corrispondenza del bagno, forare la parete quanto bastava per consentire ad un uomo di corporatura media, di introdursi all’interno dell’ufficio postale. Un’operazione che, molto probabilmente, ha richiesto diverso tempo. Stiamo parlando infatti di una palazzina molto vecchia, realizzata all’epoca della fondazione del borgo, e che quindi poggia su pareti molto spesse. Una volta all’interno del locale, che a quanto pare non è dotato dei sistemi di allarme, la loro attenzione si è focalizzata sulla cassaforte, un armadio blindato fissato al muro. I ladri sono riusciti a sradicarla dal muro ma devono averci messo davvero poco a rendersi conto che sarebbe stato praticamente impossibile aprirla o addirittura portarla fuori dall’ufficio postale. Vuoi per il peso della cassaforte stessa, vuoi per la difficoltà di portarla all’esterno a causa delle dimensioni, fatto sta che, ieri mattina, era ancora al suo posto. Questo, quindi, potrebbe far intendere che la banda non era attrezzata per forzare la cassaforte. Fallito l’obiettivo primario, i ladri si sono portati via una cassetta di sicurezza contenente principalmente monete, per un valore di 3575 euro circa, che il personale delle Poste non usava depositare all’interno dell’armadio blindato. Il locale di via Sallustio non è dotato di particolari sistemi di allarme perchè, dopo tutto, non è mai stato al centro di blitz come quello messo a segno la notte tra giovedì e venerdì a Borgo Carso. L’ultimo episodio criminoso, nella frazione, risalirebbe addirittura ad una decina di anni fa, quando l’ufficio postale decentrato fu preso di mira dai rapinatori.

 

FONTE: Latina Oggi

News

<>

Curiosità

<>

In evidenza

  • LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio

    Spettacolo teatrale “Canale Mussolini” ore 21.00 giardini del Palazzo Comunale

    Debutta “Canale Mussolini”. Lo spettacolo teatrale, tratto dal romanzo di Antonio Pennacchi, in prima nazionale a Latina, domenica 30 giugno 2013. In scena, Giorgio Colangeli, Marina... (continua)

    LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio