X
la storia

07.12.2016

Borgo Faiti:

Scuola al gelo: bimbi in classe con i cappotti. Genitori infuriati: “dimenticati dal Comune” -

28.03.2014

Chiesuola:

Lettera aperta del Comitato NO Biogas Latina -

22.02.2014

Latina Scalo:

Anziana travolta e uccisa su via della Stazione -

12.01.2013

Latina Scalo:

Asse attrezzato, un furto dopo l’altro -

12.01.2013

Chiesuola:

Lite tra madri davanti alla scuola -

11.01.2013

Borgo Sabotino:

Furti in serie, notte da incubo -

08.01.2013

Borgo Grappa:

Multati per la legna, la befana non si brucia -

28.12.2012

I borghi ritrovati:

perimetrati Chiesuola, Isonzo e Tor Tre Ponti -

10.02.2012

Borghi: Montello, Bainsizza, Santa Maria e Sabotino:

Un anno di arsenico -

09.02.2012

Borgo Montello:

Lavori di ampliamento al cimitero -

09.02.2012

Borgo Faiti:

Ladri di slot machine -

09.02.2012

Borgo Piave:

Furto di cavi tra i pannelli solari -

08.02.2012

Borgo Faiti:

Centro anziani al freddo -

08.02.2012

Borgo Carso:

La palestra a pieno regime -

07.02.2012

Latina Scalo:

Dopo tanti anni la festa del primo Maggio non si farà -

06.02.2012

Borgo Grappa:

Lite per il traffico, 53enne ferisce automobilista -

04.02.2012

Chiesuola:

Topi d’appartamento in via della Cava -

03.02.2012

Borgo Isonzo:

Scuola materna senza riscaldamenti -

03.02.2012

Latina Scalo:

Parco ancora senza gestore -

01.02.2012

Borgo Carso:

In rovina l’edificio storico del Borgo -

  • Come eravamo

sponsors

  • Latina Città del '900

meteo

link istituzionali

utilità

  • La raccolta differenziata
  • Cerca la Farmacia aperta
  • Cerca la Farmacia aperta

Latina Scalo

Dopo tanti anni la festa del primo Maggio non si farà

7/02/12

 

L’effetto crisi non risparmia nessuno, neanche la tradizione più antica. E a farne le spese sarà il popolo di Latina Scalo, quel popolo che da tantissimi anni ormai attende il 1° maggio per festeggiare San Giuseppe Lavoratore. «Non ci sono soldi, quest’anno non avremo la possibilità di organizzare la nostra tradizionale festa». Più chiaro di così non poteva essere Don Giuseppe De Nardis, il parroco dello Scalo che domenica ha dato l’annuncio ai fedeli, poi con il passa parola l a notizia ha fatto rapidamente il giro del borgo. Oltre ai soldi non ci sarebbero neanche persone disposte a lavorare partendo con largo anticipo per organizzare un evento storico, una festa attesa non solo dagli abitanti di Latina Scalo, ma anche da tanta altra gente che puntualmente ogni 1° maggio amava scendere dai paesi vicini per non mancare ad uno degli appuntamenti più gettonati di inizio estate. La firma sulla festa di San Giuseppe l’ha sempre messa il comitato parrocchiale, conl’aiuto economico di popolazione ed esercizi commerciali del centro: proprio i negozianti sono stati tra i primi a beneficiare degli introiti maggiorati dall’enorme afflusso di gente. Quest’anno, però, dal comitato parrocchiale non partirà nessuna richiesta porta a porta, con c’è nemmeno la volontà di provarci. Ma ad occhio e croce, quanto costa organizzare una festa del genere? Secondo qualche dato raccolto, sempre ad occhio e croce, ci vogliono almeno 30mila euro. Tanti vista la crisi, troppi per le casse del comitato parrocchiale. A Latina Scalo la notizia non l’hanno presa bene, soprattutto quei ragazzi che ormai da anni aspettano l’arrivo del «1° maggio» per ritrovarsi in piazza San Giuseppe, senza dimenticare i meno giovani legati ad una tradizione antica vittima, suo malgrado, di una crisi che sembra non avere fine.

 
FONTE: Latina Oggi

News

<>

Curiosità

<>

In evidenza

  • LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio

    Spettacolo teatrale “Canale Mussolini” ore 21.00 giardini del Palazzo Comunale

    Debutta “Canale Mussolini”. Lo spettacolo teatrale, tratto dal romanzo di Antonio Pennacchi, in prima nazionale a Latina, domenica 30 giugno 2013. In scena, Giorgio Colangeli, Marina... (continua)

    LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio