X
la storia

07.12.2016

Borgo Faiti:

Scuola al gelo: bimbi in classe con i cappotti. Genitori infuriati: “dimenticati dal Comune” -

28.03.2014

Chiesuola:

Lettera aperta del Comitato NO Biogas Latina -

22.02.2014

Latina Scalo:

Anziana travolta e uccisa su via della Stazione -

12.01.2013

Latina Scalo:

Asse attrezzato, un furto dopo l’altro -

12.01.2013

Chiesuola:

Lite tra madri davanti alla scuola -

11.01.2013

Borgo Sabotino:

Furti in serie, notte da incubo -

08.01.2013

Borgo Grappa:

Multati per la legna, la befana non si brucia -

28.12.2012

I borghi ritrovati:

perimetrati Chiesuola, Isonzo e Tor Tre Ponti -

10.02.2012

Borghi: Montello, Bainsizza, Santa Maria e Sabotino:

Un anno di arsenico -

09.02.2012

Borgo Montello:

Lavori di ampliamento al cimitero -

09.02.2012

Borgo Faiti:

Ladri di slot machine -

09.02.2012

Borgo Piave:

Furto di cavi tra i pannelli solari -

08.02.2012

Borgo Faiti:

Centro anziani al freddo -

08.02.2012

Borgo Carso:

La palestra a pieno regime -

07.02.2012

Latina Scalo:

Dopo tanti anni la festa del primo Maggio non si farà -

06.02.2012

Borgo Grappa:

Lite per il traffico, 53enne ferisce automobilista -

04.02.2012

Chiesuola:

Topi d’appartamento in via della Cava -

03.02.2012

Borgo Isonzo:

Scuola materna senza riscaldamenti -

03.02.2012

Latina Scalo:

Parco ancora senza gestore -

01.02.2012

Borgo Carso:

In rovina l’edificio storico del Borgo -

  • Come eravamo

sponsors

  • Latina Città del '900

meteo

link istituzionali

utilità

  • La raccolta differenziata
  • Cerca la Farmacia aperta
  • Cerca la Farmacia aperta

Borgo Piave

Furto di cavi tra i pannelli solari

9/02/12

 

Non conosce sosta l’attività delle bande di ladri dedite al furto di cavi in rame, specie nei mega impianti fotovoltaici disseminati tra i borghi di Latina. L’ultimo blitz è stato messo a segno la notte scorsa tra i pannelli solari di una centrale per la produzione di corrente elettrica che si trova in via della Macchia, una parallela della Pontina in zona Borgo Piave, dove i cercatori di «oro rosso» sono riusciti a portare via mille metri di cavi interrati, provocando danni per centinaia di migliaia di euro. Spesso l’attività dei trafugatori di rame viene interrotta dalla vigilanza privata, ma i ladri più bravi ri escono sempre più spesso a neutralizzare le centraline degli allarmi anti intrusione per tutta la durata del raid. Proprio come accaduto in quest’ultima occasione. Approfittano delle ore notturne per entrare in azione, anche e soprattutto perchè di notte, quando i pannelli non sono attivi per l’assenza di luce solare, i cavi non sono attraversati dalla corrente elettrica. Un lavoro pulito, senza tracce, quello messo a segno dai ladri a Borgo Piave, raid come purtroppo se ne registrano con particolare frequenza nel capoluogo pontino. Solitamente i ladri entrano in azione armati di sole cesoie che utilizzano per tagliare velocemente i cavi, anche quelli più grossi. Perchè tra i pannelli si intrecciano reti di impianti elettrici anche consistenti. Poi avvolgono i cavi e li caricano su auto e furgoni. Una volta al sicuro si dedicano al lavoro di spellatura del rame, eliminando la guaina in gomma. A quel punto il metallo viene venduto ai mercanti. La scarsa reperibilità in natura ha fatto del rame una risorsa preziosa tanto da meritarsi l’appellativo di oro rosso. Sempre la notte scorsa un furto era stato sventato invece nel centro della città e per l’esattezza in via Monte Santo a piazza Santa Maria Goretti, una delle zone più colpite dai ladri negli ultimi tempi. Fino alle tre ben quattro pattuglie aveva sorvegliato il centro storico, ma gli scassinatori hanno aspettato fino alle 4:30 per sferrare il colpo in un’agenzia di viaggi. Il rumore provocato, però, ha attirato l’attenzione di alcuni ragazzi che, avvicinandosi al negozio, sono riusciti a mettere in fuga i malviventi prima che riuscissero ad introdursi nei locali.

 
FONTE: Latina Oggi

News

<>

Curiosità

<>

In evidenza

  • LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio

    Spettacolo teatrale “Canale Mussolini” ore 21.00 giardini del Palazzo Comunale

    Debutta “Canale Mussolini”. Lo spettacolo teatrale, tratto dal romanzo di Antonio Pennacchi, in prima nazionale a Latina, domenica 30 giugno 2013. In scena, Giorgio Colangeli, Marina... (continua)

    LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio