X
la storia

07.12.2016

Borgo Faiti:

Scuola al gelo: bimbi in classe con i cappotti. Genitori infuriati: “dimenticati dal Comune” -

28.03.2014

Chiesuola:

Lettera aperta del Comitato NO Biogas Latina -

22.02.2014

Latina Scalo:

Anziana travolta e uccisa su via della Stazione -

12.01.2013

Latina Scalo:

Asse attrezzato, un furto dopo l’altro -

12.01.2013

Chiesuola:

Lite tra madri davanti alla scuola -

11.01.2013

Borgo Sabotino:

Furti in serie, notte da incubo -

08.01.2013

Borgo Grappa:

Multati per la legna, la befana non si brucia -

28.12.2012

I borghi ritrovati:

perimetrati Chiesuola, Isonzo e Tor Tre Ponti -

10.02.2012

Borghi: Montello, Bainsizza, Santa Maria e Sabotino:

Un anno di arsenico -

09.02.2012

Borgo Montello:

Lavori di ampliamento al cimitero -

09.02.2012

Borgo Faiti:

Ladri di slot machine -

09.02.2012

Borgo Piave:

Furto di cavi tra i pannelli solari -

08.02.2012

Borgo Faiti:

Centro anziani al freddo -

08.02.2012

Borgo Carso:

La palestra a pieno regime -

07.02.2012

Latina Scalo:

Dopo tanti anni la festa del primo Maggio non si farà -

06.02.2012

Borgo Grappa:

Lite per il traffico, 53enne ferisce automobilista -

04.02.2012

Chiesuola:

Topi d’appartamento in via della Cava -

03.02.2012

Borgo Isonzo:

Scuola materna senza riscaldamenti -

03.02.2012

Latina Scalo:

Parco ancora senza gestore -

01.02.2012

Borgo Carso:

In rovina l’edificio storico del Borgo -

  • Come eravamo

sponsors

  • Latina Città del '900

meteo

link istituzionali

utilità

  • La raccolta differenziata
  • Cerca la Farmacia aperta
  • Cerca la Farmacia aperta

Restyling per il museo stanziati 50 mila euro

Borgo Podgora, il Comune provvederà alla manutenzione

4/04/09

 

Ci sono musei che fanno parte integrante di una città. Ne raccontano la storia, gli aneddoti più nascosti meglio di tanti libri. Diventano essi stessi testimonianza di una storia secolare.

Come il Museo Sessano a Borgo Podgora, che però rischiava di cadere a pezzi sotto i colpi del tempo e della stessa storia che narra pietra dopo pietra.

Costruito intorno all'imbrunire degli anni Settanta «senza una preventiva progettazione », non aveva mai subito restauri. Almeno fino a ieri. Tanto che il solaio rischiava di crollare sotto la pressione della folla durante la varie ricorrenze liturgiche e non.

Il Comune, ora, ha, infatti, deciso di correre ai ripari, stanziando circa 50 mila euro come previsto dall'Utc Servizio Manutenzione Edifici che ne ha redatto il progetto. Quei soldi serviranno per consolidare e adeguare alle normative vigenti quel solaio che tanto preoccupava gli abitanti del luogo. E, in primis, Don Giovanni Lerose che tanto aveva a cuore quella storia. E' stato lui il primo a denunciare quello stato di cose.

E adesso l'intervento deciso dall'amministrazione comunale dopo che la Regione Lazio aveva inserito l'esecuzione dei lavori di Ristrutturazione e consolidamento del museo civico di Borgo Podgora nel Programma Triennale straordinario di Opere Pubbliche per lo sviluppo Locale regionale.

In poche parole il piano prevede la demolizione del solaio esistente e la costruzione di uno nuovo, rispettando i requisiti previsti dalle leggi vigenti, in particolar modo quelle antisismiche. In questo modo si salverà quel tesoro custodito gelosamente da quel piccolo gioiello. Nelle sue stanze il museo conserva le foto e i reperti del ventennio fascista.

Dal 1926, immediatamente prima della bonifica, fino al 1944, anno dello sbarco degli alleati ad Anzio Nettuno. Passando attraverso le testimonianze di lavoro raccolte durante la bonifica e la colonizzazione veneta.

Ma il museo vuole anche essere un omaggio a Sessano (antico nome di Borgo Podgora), la prima località bonificata in tutta la pianura pontina e per quattro anni base di residenza delle maestranze del Consorzio di Bonifica di Piscinara. Nella motivazione della delibera a proposito del Museo si legge: «museo già di carattere storico di questa città in quanto vi sono rappresentati i primissimi insediamenti dell'epoca di fondazione oltre a far parte della costruzione della prima chiesa nel territorio dell'avvenuta bonifica ». La cattedrale eretta nel lontano 1928 fu, infatti, il primo edificio per il culto costruito con la bonifica. No, questo sito che trasuda storia da ogni mattone, non poteva certo essere abbandonato a se stesso.

 

FONTE:

 

News

<>

Curiosità

<>

In evidenza

  • LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio

    Spettacolo teatrale “Canale Mussolini” ore 21.00 giardini del Palazzo Comunale

    Debutta “Canale Mussolini”. Lo spettacolo teatrale, tratto dal romanzo di Antonio Pennacchi, in prima nazionale a Latina, domenica 30 giugno 2013. In scena, Giorgio Colangeli, Marina... (continua)

    LATINA, dal 30 giugno al 4 luglio